yoga

Posizioni yoga: l’energia dei piegamenti all’indietro

Posizioni yoga, piegamenti all’indietro: cosa significano, su quale parte del corpo agiscono, benefici

Tra le tante posizioni yoga i piegamenti all’indietro mi hanno riscosso fascino sin dall’inizio. Sono stati i primi a ‘farmi sentire’. La maggior parte di noi va a yoga in cerca di un rifugio. Ci rendiamo conto di quanto sia importante allontanarsi brevemente dalle esigenze della vita e rilassarsi in una qualità mentale spaziosa che ci permette di essere con noi stessi così come siamo, senza giudizi. Isolati dal frastuono delle richieste e dal bisogno di affrettarsi, diventiamo abbastanza silenziosi da sentire i movimenti del nostro cuore. E nell’atto di accettare tutto ciò che vi troviamo, ricarichiamo la nostra energia e la nostra ispirazione. Accettare la verità di noi stessi, dei nostri cuori, dei nostri muscoli, del nostro livello di energia in ogni momento è il massimo della compassione, e praticato in questo modo, lo yoga diventa un esercizio di equanimità.

I piegamenti all’indietro, tuttavia, possono essere posizioni yoga complesse e non solo dal punto di vista fisico. Molti di noi si fermano di fronte a queste pose, le evitano, si pongono limiti immaginari, senza alcuna intenzione di volere quantomeno provare a superarli. Ma che cosa possono dirci di noi i piegamenti all’indietro? Sono pose che aprono il chakra del cuore, costruiscono coraggio e resistenza, e ci danno quel tipo di energia che ci spinge a tendere la mano verso gli altri. Non apprezziamo questi benefici?

E’ probabile che se proviamo disagio o paura nei piegamenti all’indietro non è perchè non apprezziamo i loro benefici, ma probabilmente perchè non li abbiamo mai sperimentati veramente. Forse siamo rigidi lungo la parte anteriore del corpo o forse, istintivamente, sappiamo bene come proteggere un cuore vulnerabile da aperture per le quali non siamo pronti.
Ma se non avete ancora trovato la gioia di aprire la vostra parte anteriore, è il momento di sviluppare un approccio diverso della vostra pratica.

Posizioni yoga, piegamenti all’indietro

La disciplina dello yoga è una pratica di purificazione. Ma questo cosa significa veramente? L’obiettivo è la purificazione non per amore della perfezione, ma per amore della libertà. Se si pratica un piegamento all’indietro con l’intento di sradicare aspetti di sé stessi che si vedono in qualche modo “non misurabili”, come muscoli deboli, articolazioni rigide o isolamento protettivo, si riesce solo a battere se stessi. Non c’è libertà su quel percorso e, per inciso, non c’è nemmeno la purificazione. È un percorso che porta solo più in profondità nelle nevrosi.

Se la disciplina dello yoga deve portare una maggiore libertà, dovete praticare i piegamenti all’indietro in modo da accettare e accogliere le vostre resistenze – anche i valori e gli onori – pur continuando a farvi ottenere i benefici previsti. Lo scopo di questa pratica non è quello di diventare qualcun altro, ma di diventare più pienamente se stessi, per raggiungere non il glorioso backbend raffigurato in un calendario yoga, ma quello che è allo stesso tempo stabile e confortevole per il vostro corpo e che risplende di un’esperienza interiore di gioia, euforia e libertà.

È più probabile che scegliate pose che rispettino i vostri limiti se tenete presente il punto della pratica, che in questo caso è l’apertura della parte anteriore del corpo. Probabilmente lo fate già istintivamente dopo lunghi periodi di tempo trascorso in avanti, sia che si tratti di un computer, di una toppa in giardino o di qualcos’altro. Conoscete il tratto: le braccia che si allungano all’indietro, il petto che sbuffa in avanti, magari accompagnato anche da uno sbadiglio o da un ringhio. Questo piegamento all’indietro del tutto informale apre i muscoli del corpo anteriore che si stringevano e si accorciavano mentre si era inclinati in avanti, e offre un sollievo ai muscoli dorsali stanchi e sovraccarichi della schiena, accorciandoli, sciacquando le scorie e portando un fresco apporto di sangue ossigenato. È bello aprirsi in questo modo, vero?

Ciò che rende particolarmente piacevole questo dorsale naturale è che raramente si cerca di andare oltre il livello di comfort naturale del proprio corpo. Non si cerca di raggiungere nulla in particolare, ma istintivamente si cerca solo il sollievo e l’euforia dell’arco. Se riuscite a ricordare a voi stessi che questa rivitalizzazione è possibile anche con la più semplice delle pose, graviterete volentieri e con entusiasmo verso la pratica dei piegamenti all’indietro.

Posizioni yoga, piegamenti all’indietro: come fare

Ma a volte anche questo naturale impulso ad arcuarsi all’indietro è accompagnato da un’inaspettata fitta di dolore nella parte bassa della schiena. Questa è l’area della colonna vertebrale che in genere sopporta lo sforzo maggiore durante i piegamenti all’indietro e – se si tende a sperimentare la compressione nella parte bassa della schiena durante la pratica, si può decidere che il vostro corpo semplicemente non si piega all’indietro con sufficiente facilità per ottenere i benefici della pratica. Fortunatamente, il respiro può essere utilizzato per creare sia il comfort che il controllo nelle posizioni di flessione all’indietro.
In Odaka Yoga usiamo il movimento di Point Break per aiutare le flessione naturale della colonna, aprire i muscoli del petto, favorire l’inspirazione per poterci posare nella posa senza sforzo eccessivo. Usare questo movimento che riproduce l’onda del mare che s’infrange sulla battigia, offre – inoltre – un interessante incontro con aparigraha, l’atteggiamento descritto nello Yoga Sutra di Patanjali come la capacità di accettare solo ciò che è appropriato. Si fa una scelta consapevole di non prendere tutto ciò che si può, di non muoversi nella più completa curva all’indietro che il corpo possa gestire, perché si vede il valore nel trattenere; si dà più valore alla salute e all’integrità del proprio corpo che alla gloria di un piegamento più profondo. Apprezzate la funzione primaria della posizione – l’apertura – più che la forma finale della postura.

Per comprendere ciò di cui avete bisogno, i vostri limiti, le vostre possibilità, osservate il vostro respiro. Se fate molta attenzione, il respiro vi dirà cosa vi serve e quando vi siete spinti troppo oltre. Il respiro è costante, ma allo stesso tempo è in continuo cambiamento. Riflette lo stato del corpo e della mente nel modo più onesto e diretto possibile. Sovraffaticamento, tensione, dolore, ansia, sforzo, frustrazione – tutti questi sono rivelati dal respiro, e si può conoscere meglio la propria mente, e imparare a lavorare entro i propri limiti, se si impara a interpretare la sensazione e il suono del respiro.

Abbiate sempre un atteggiamento di compassione durante la pratica, specialmente quella dei piegamenti all’indietro. Il che significa uscire dalla zona di confort, ma prendere dalla posa solo ciò di cui abbiamo realmente bisogno, senza esagerare.
L’atteggiamento di compassione può iniziare con la scelta delle pose più adatte al vostro corpo. È molto facile cadere nella trappola del pensiero che, semplicemente perché una posa esiste, tutti dovrebbero lavorare per essere in grado di farla. Non tutte le pose sono appropriate per ogni corpo. Se si soffre mentre si pratica una posa e non si riesce a trovare gli aggiustamenti che consentono di stare comodamente in posa, anche con i consigli e l’assistenza di un istruttore addestrato, allora si deve abilmente accettare che la posa non è appropriata per il vostro corpo in questo momento.
Tuttavia, quando sentite, durante alcuni piegamenti all’indietro come Setu Bandhasana o Urdhva Mukha Svanasana, che il vostro corpo chiede di più, che la vostra mente non è più presente nella posa e sentite il desiderio di sperimentare, significa che il vostro corpo è probabilmente pronto per un lavoro più profondo e per pose più impegnative. Sarebbe poco saggio lasciare questo lavoro più impegnativo fuori dalla vostra pratica di yoga. Ricordate: lo yoga è una ricerca continua di ciò che è più appropriato per voi individualmente.

Posizioni yoga, i piegamenti all’indietro: benefici

Quando si praticano i piegamenti all’indietro in questo modo – con compassione, osservazione, creatività e coraggio – il risultato non è solo un maggiore accesso ai benefici dei backbend, ma un’inevitabile trasformazione degli elementi dentro di voi che inizialmente hanno resistito alla pratica. Le vostre articolazioni si aprono di più, diventate più forti e flessibili, e il vostro cuore si apre a una maggiore accettazione di sé e compassione per gli altri. Quindi, perché non iniziare con queste intenzioni? Perché non praticare con l’obiettivo di aumentare la vostra flessibilità, approfondire il vostro arco, bandire le vostre paure?

Ogni sforzo per eliminare una parte di noi stessi o della nostra esperienza è una pratica infida e fastidiosa, ma dove porta questa pratica dipende dal nostro allenamento mentale. Possiamo riconoscere le nostre resistenze senza giudicarle? Siamo in grado di vedere i nostri muscoli deboli semplicemente come questo piuttosto che come una debolezza umana o emotiva? Potrebbe sembrare facile, ma cosa succede quando si guarda a qualcosa di più profondo, come una barriera protettiva intorno al chakra del cuore? Possiamo osservarci con compassione?
Se cercate di eliminare la vostra resistenza perché sentite che si riflette negativamente su di voi come persona, la vostra pratica sarà piena di negatività e disgusto per voi stessi. Questa è una pratica di purificazione per il bene della perfezione, e porta solo a un’intrappolamento più profondo nella sofferenza.

Ma cosa succede se avete la capacità di guardare voi stessi da vicino, con compassione e con equanimità?

Questo è interessante: una mente allenata all’equanimità non respinge le cose indesiderate e non si avvicina alle cose desiderate. Essa onora e accoglie, sapendo che tale trattamento è trasformativo. In definitiva, è solo nel lasciar andare ciò che si vorrebbe essere, nel cercare una maggiore libertà di essere ciò che si è realmente in ogni momento, che si svolge il processo del proprio divenire. Quindi, esercitatevi a godere dei piegamenti all’indietro di cui il vostro corpo gode senza forzarvi in pose che riflettono solo ciò di cui vorreste che il vostro corpo potesse godere. Lasciate che ogni arco sia un esercizio di accettazione e di equanimità, un abbraccio attivo del santuario che lo yoga può offrire, e un semplice riconoscimento di una verità che potrebbe cambiare tutta la vostra vita.

Namastè

0 commenti su “Posizioni yoga: l’energia dei piegamenti all’indietro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: